uova-benedict-brunch
Kitchen&Food, Travel

Un brunch originale, a Londra!

Le origini del brunch

Pensavo che il brunch fosse una invenzione americana, ma no… e’ inglese.
Provo a indovinarne l’origine. Il sabato sera si sfondano di birre al pub – o sostituti. Poi domenica mattina dormono fino a tardi… e al risveglio hanno bisogno di riempire lo stomaco …ma e’ un po’ tardi per la breakfast e troppo presto per il lunch.
Quindi perche’ non cogliere due piccioni con una fava? Iniziando con un caffe’, poi magari una cosina salata come ad esempio delle belle uova alla benedict, e un po’ di bloody Mary – cosi giusto per non perdere l’abitudine.
Ovvio, ci sono mille alternative per un brunch serio… ma sono sicura che avete capito l’idea.

Come preparare un vero brunch all’inglese

Stamattina mia cugina ci ha portati a fare un corso su come si prepara un vero brunch all’inglese. Un’idea veramente originale… che ho apprezzato molto!
Alle 10 siamo arrivati in questa scuola familiare, entriamo in una cucina attrezzata per una decina di persone, e Sophie ci propone un bel caffe’.
Richard – lo chef – ci snocciolava i segreti sulle uova alla Benedict, mentre faceva sudare le cipolle… un profumo che apre sempre un po’ l’appetito…

Dopo aver rotto un po’ il ghiaccio, e anche qualche uovo, e’ ora di mettersi ai fornelli. Con mia grande gioia…
…ma un attimo… uova alla benedict = uova in camicia = tuorlo liquido = toxoplasmosi.

Non va bene. Devo trovare una soluzione. E cosi, mi e’ venuta un’idea brillantissima. Faro’ delle uova alla benedict, risk-free! E le ho nel frattempo trasformate in una ricetta light – o perlomeno lighter!

​​ricetta per le Uova alla Benedict

Cosa serve:
4 uova – freschissime
Aceto bianco
1 avocado
2 muffin
100gr burro

  1. preparare la SALSA OLANDESE
    Fare bollire dell’acqua in una pentola. Approggiare una ciotola sulla pentola con dentro 2 tuorli e 1 tappo di aceto. Sbattere i tuorli con un frustino per incorporare aria, fino a che sbiancano.
    Aggiungere poco a poco il burro, sempre sbattendo il tutto. Aggiungere un altro tappo di aceto, e continuare a frustare. Alla fine aggiungere due pizzichi di sale. Salsa benedict, pronta!
  2. Preparare i MUFFIN
    tagliare due muffin e scaldarli in forno a 170 gradi, e affettare un avocado.
  3. Cuocere le UOVA
    Fare bollire l’acqua in una pentola, aggiungere due cucchiai di aceto bianco, e mescolare per creare un turbine. Far scivolare due uova nell’acqua. Dopo 3 minuti estrarle e riporle su della carta assorbente.
    Versione Toxoplasmosi-free: fare la stessa cosa senza tuorli, solo con gli albumi! non solo eviti il rischio della toxoplasmosi, ma é anche una versione light delle uova alla Benedict!
  4. Componi le UOVA ALLA BENEDICT
    In un piatto riponi meta’ muffin caldo, le fette di un quarto di avocado, l’uovo, e un cucchiaio di salsa olandese. Servire caldo! Magari accompagnate da un te, un caffe’ o un virgin Mary !

Mia cugina ha avuto una splendida idea per questa domenica a Londra… ma come farei senza di lei?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s