AuPair Experience

Keep Calm and host an Au Pair!

At the beginning I was against having an au pair living at home with us. But then I decided to give it a try. And started to interview a few until I found the person I thought we were looking for.
She came for 9 months, and I wish she was still with us! It was the best au pair experience we could dream of! Elisabetta was simply the best! We got along very well, from the beginning and… she left with a piece of my heart!
When she left we looked for someone else, but I bumped into a bunch of irresponsible girls. To give you an idea: we agreed with another one the date she would come, I bought the plane ticket for her… and she did not show up. So rude!
So I abandoned the idea of having another au pair until Elisabetta came back to visit… and made us wish to have another experience like that. So I started to look again and found more responsible girls this time around – maybe because summer period is approaching and more people want to try this experience.
And yesterday, Jasmine joined our family! We were so excited. So I prepared a welcome basket, with some sweets, a personalized gift for her, products she might need in the house, and few touristic information (maps, guides, etc).
I wanted her to have the best experience, also if she is staying with us for only 1 month… but her first 24 hours were a nightmare!
Today she took a shower and flooded the house!
I mean, yes it is a hassle for us. We will need to fix the ceiling and so on.. but to her it was also a shocking morning.. she arrived in a new country, with a new family, in a new home, in a new language, and first thing she does? Flood someone else’s house.
I run back home form work, and of course I was pissed and tried to remain calm. But when she told me “I will look if there is a plane for tomorrow” I felt very bad for her. I told her I did not want her to leave for this. That she will be more careful next time, and that it happens… but poor girl.

So here are the 5 important things if you want to host an au pair:

  1. It is one additional member of your family, and you need to take care of her (or him!) as anyone else. They will not be perfect – no one is, except Elisabetta (wink wink) – and there will be mistakes. You need to be ready to accept that.
  2. At the beginning it takes time to adapt. For you to a new presence in the house, three is a new adult in the house that you need to feed, and that will surely impact your privacy. But remember that she also has to adapt, and to way more things than you: to your entire family, house, country, language and habits. And this should not be underestimated – it has a strong psychological impact. She can feel alone.
  3. She will need help in a lot of things at the beginning, you will need to show the way around – be sure you plan for that! This also means you will need to become a tourist in your own city to show her around ! How to take public transportation for example… it is better you show her, not just explain!
  4. Spend extra time on communication. Be very clear on expectations, do not assume she knows your way of doing things, because nobody will do things your own way. I mean, when you ask your husband to take out the trash, does he do it your way? No, and he is married to you. So!!! But also open a big listening ear for her to tell you how she is and what her needs are – to avoid surprises and to adjust faster to each other needs. Communication always help. Always.
  5. Keep Calm and host an au pair. The cultural exchange that your kids will experience is unprecedented. Without considering the help you get !

I hope this episode, for how painful it can be, will not jeopardize the remainder of the month!
#keepcalmandhostanaupair

Kitchen&Food

Greek Gemista – Recipe for Stuffed tomatoes

Ok… so by now you do know that i went on a quest for the best Gemista in Greece, but while doing that i got lost in other type of delicious food, right?

So, i had NO CHOICE. Make my own gemista coming back home!

And, yes the greek might have different ways of doing it, but this it a pretty good one trust me!

Ingredients for 4 people
-8 big juicy tomatoes
– 240 gr of parboiled rice (or arborio, but i do prefer parboiled)
– 1 shallot and 1 garlic clove
– 1 glass of white wine
– oil (extra virgin olive oil)
– salt, pepper, basil and coriander (or persil if you prefer) – and if you have, add fresh oregano

How to proceed:
1. open the top of each tomato and empty them in a bowl. then put some salt inside the emptied tomatoes
2. mix the tomatoes with the onions, garlic, winne, herbs and spices. I prefer to use immersion blender.
3. add the oil and the rice, and stir
4. fill the emptied tomatoes with the mix in the bowl, close the tomatoes with the caps you cut out… and
5. cook in the oven for 45 minutes at 170 °C!

snapseed-1

And bon appetit!

 

 

 

Travel

3 very good reasons to go on holiday in Greece

They told us not to.
In May? too cold!
Santorini with a baby? not worth it!
Go to formentera, they have an hospital!
Mi kid got sick in Greece, go when he is older…

I heard so many reasons not to go… But we dared! And I do not regret our choice! Why?

1. Paradise is only few hours away.
2. The blue and the white everywhere make peace in your mind and boost love in your heart.
3. The food. The food. You just can find comfort in their food (top food here)

We left for 9 days: 4 in Santorini, 4 in Milos and 1 in Folegandros.

The flight was direct to SANTORINI, so we spent a couple of nights there and enjoyed the sun and the beach to relax after the pre-holiday work rush.
Then we took a boat to MILOS – where we lived in paradise for 4 days. The best beaches are there – no seriously this is a perfect place (if you want to know more click here).
Then we stopped over in FOLEGANDROS for one night… it is very cute but it is not worth going off season. There are very few buses to visit the island, the beaches are nice but the water is cold and there is a lot of wind, shops are still closed and restaurants… are renovating!
Then we took the boat back to SANTORINI, to visit the rest of the island: the caldera, the multicolored beaches (black, red, white) and admire the sunset from the best spot (yes we found the best spot to watch sunset in Santorini)…

I came back and I forgot my password, this is a sign that this was a great getaway!

I love Greece!

 

Viaggi

3 ottime ragioni per andare in vacanza in Grecia!

Ci hanno detto di non andare.
“In Maggio? Troppo freddo!”
“Santorini con un bimbo cosí piccolo? Non vale la pena!”
“Andate a Formentera, c’é l’ospedale!”
“Mia figlia si é ammalata in Grecia, andate quando sará piú grande.”

Ho sentito mille ragioni per non andare, ma abbiamo sfidato il destino e siamo andati in Grecia!

E ora abbiamo le nostre ragioni per andare in Grecia, anche con un bimbo piccolo:

  1. é un PARADISO. E questo paradiso é situato a poche ore di volo da qui
  2. Il bianco e blu dappertutto crea la pace dei sensi, e esplode l’amore nel cuore
  3. Il cibo. Oh il cibo! Puoi solo farti coccolare dal cibo greco.

Siamo partiti per 9 giorni: 4 in Santorini, 4 in Milos 1 a Folegrandros.

Il volo era diretto per Santorini, e cosí abbiamo passato un paio di notti li godendoci sole e mare per un po’ di meritato relax dopo il rush pre-vacanza del lavoro :).

Poi abbiamo preso il traghetto per Milos, dove abbiamo trovato il paradiso. Le spiagge piú belle sono a Milos.
No seriamente, é un paradiso in terra! (se vuoi saperne di piú leggi quiqui).

Poi ci siamo fermati una notte a Folegandros, é molto carina ma non vale davvero la pena fuori stagione, perlomeno non senza un’auto privata. Ci sono pochi autobus sull’isola, e l’acqua é molto piú fredda. Tanto vento, negozi chiusi e ristoranti in fase di rinnovo…

Poi abbiamo ripreso il traghetto per Santorini e abbiamo visitato il resto dell’isola: la caldera, le spiagge multicolore (rossa, nera, bianca…) e ammirato tramonti dal punto migliore (si lo abbiamo trovato – se volete sapere dov’é… basta chiedere).

Sono tornata al lavoro e mi sono dimenticata la password. Questo é un segno del fatto che sia stata un’ottima vacanza!

AMO LA GRECIA!

Travel

The best beaches in Milos island

We selected this island completely randomly.
Initially we were planning to go to Santorini, then we looked at the map to discover what other islands we could visit, and as a joke I told my husband “let’s go to Milo’s” (our son’s name is Milo) – but then… I looked on google images: and Milos was by far the most beautiful!
So we booked our trip there.
It is truly the gem of the Cyclades – and not just because of its name! Nor because it was the home of the Venus de Milo.

Tourism is less developed than in Santorini, but well enough to be spoiled.
And nature is still so wild, that makes this place a travel in time.

In 4 days we managed to see all the most famous landmarks, but I do recommend not to miss the following 5 Beaches:

1. SARAKINIKO
A very unique coastline. A must see if you go to Milos.
You might not like the medium size beach as much as the lunar landscape made of white vulcanic rocks.
We enjoyed the walk in the lunar landscape more than the beach, which is medium sized and has no shade at all.

2. KLEFTIKO
Accessible only by boat.
Kleftiko is the second most beautiful place you need to see. And you really need to experience it.
The area is remote, but the spectacular rock formations and the clear water really ask you to swim in there!
As it is accessible only by boat, plan your trip based on the weather – to avoid too windy days!
Initially we wanted to do a sailing tour on the Saturday, but the wind was supposed to be to strong, so we tried to advance it and the tours were fully booked. So finally we hired a skipper and rented a boat, and we arranged our private tour. 4 hours in total, to see Tsigrado and Firiplaka before getting to Kleftiko.
In the end it was the perfect trip! We could go a little later, when the other boats left to go back to Adamas… and we had this dream place just for us.
Beware: there is no beach, so you can experience this iconic place by the boat or swimming between the caves. And I did swim… but hey the water was really cold in May!

3. AGIA KIRIAKI
My favourite sandy beach on Milos island.
The beautiful white stones give the water a stunning turquoise color, which makes your heart peaceful by looking at it!
The sand and white rocks kept Milo pretty busy for a few hours with his construction works!

The next ones are accessible only if you are not traveling with babies :

4. PAPAFRAGAS
The beach is very very small, and totally in the shade as it is hidden beween huge rock formations. This makes it the perfect spot… but to access it either you swim to it, either you take a very dangerous path to go down…
We obviously did not…

5. TSIGRADO
Very dangerous stairs to go down, so we went there by boat … this is a dreamy place. But again, no babies there please!

If you want help on locating these places on google maps, here my map.
The yellow pins are for the NO MISS BEACHES. The blue ones for the other beaches worth a visit. The RED pins are for the towns.

I will post more pictures soon!

Kids, Mom's Life, Special Occasions

FESTA DELLA MAMMA – Non c’é niente di piú bello di essere mamma!

Per me.
Quando il mio bimbo é felice.
Quando non é malato.
Quando non é stanco e strilla come un pazzo.
Quando il mio bimbo mi dice “bene mamma” (e si perché la frase “ti voglio bene” ancora non la sa dire). Questo é davvero il momento piú bello.

E possibilmente il giorno della festa della mamma, quando abbiamo un po’ di attenzioni in piú .

Invece per gli altri momenti, beh ci sono cose piú belle di essere mamma: come mangiare la nutella col cucchiaio, comprare un paio di scarpe che fanno male ai piedi ma bene al cuore… ognuna faccia la sua lista…

Siamo sincere: ci sono momenti davvero difficili. MA! Ma si possono superare.
E alla fine di quei giorni – chiaramente giorni NO – ci sdraiamo nel letto, e riguardiamo un’ultima volta prima di andare a dormire, la foto del nostro bimbo… una tra le 3000 scattate (ovviamente tutte sfocate). E nonostante le difficoltá, siamo contente di esserlo. Perché essere mamma, ti fa sentire completa.

Ecco io mi sento cosí. So che non é cosí per tutte. So che c’é chi é felicissimo invece di non esser mamma. Ed é giusto cosí.

Ma – che ci piaccia esser mamma oppure no – abbiamo tutti una mamma. E presto sará la sua festa –  ricordatevelo!

Un bigliettino, un fiore, un gioiellino, un pensiero – E non dimenticate di fare una chiamata almeno quella domenica…  poi non dite che non vi avevo avvertito!

gelato-fiordilatte
Kitchen&Food, Ricette

Miglior ricetta per gelato al fiordilatte fatto in casa.

Quando ero piccola, ero davvero schizzinosa con il cibo. Avevo difficoltá a mangiare tante cose, e I miei genitori avevano difficoltá a farmi finire ció che avevo nel piatto.
Ma, adoravo il gelato. Tutti i gelati. Tranne il gusto malaga… si c’era il gusto malaga. Non ho mai capito cosa ci fosse dentro, né per quale ragione finisse nella mia coppetta… ma era un po’ come una punizione. Cos’ho fatto di male per avere il malaga?

Il mio preferito é da sempre il gelato alla nocciola. E se in Italia il gelato alla nocciola si trova OVUNQUE, qui NO.

Qui – come spesso all’estero – I gusti principali sono vaniglia, cioccolato, fragola… poi si trovano cose locali tipo il caramello al burro salato… ma la nocciola, niet. Il fiordilatte? No way.
E dopo tanti anni lontana dall’Italia, mi mancano i gusti semplici – come quello del gelato al fiordilatte. Qui non esiste.
Questo mi ha dato la ragione per comprare una gelatiera (quale? per me é quella di KitchenAid) ed iniziare a fare il gelato, ma ce ne sono tante altre.

Le 4 ragioni per fare il gelato in casa

  1. il gelato artigianale é piú sano di quello del supermercato
  2. é piú buono!
  3. é piú economico
  4. i bambini amano il gelato al fiordilatte
  5. perché bastano bastano 15 minuti di preparazione per

Hugo dice che é il miglior gelato che abbia mai mangiato. I bambini sono la voce della veritá… quindi fidatevi e tirate fuori la gelatiera!

​​Ed ecco la miglior ricetta per il gelato fiordilatte fatto in casa – a prova di mamma!

  • 250 ml di latte
  • 250 di panna fresca
  • 90 gr di zucchero
  • 1 stecca di vaniglia
  1. in un pentolino metti latte, panna, zucchero e vaniglia, e fai scaldare fino a raggiungere 85°C. Non hai il termometro? Fai scaldare fino a prima del bollore!
  2. Versa il composto in un boccale, lascialo raffreddare e mettilo in frigo per 4 ore
  3. Versa tutto nella gelatiera, per 20-35 minuti fino a che si addensa completamente

Come capire se il gelato é bilanciato?

Il gelato non sempre viene bene al primo colpo, ma sapere cosa fare permette di aggiustare le dosi, ecco qui cosa ho imparato:

  • Se il gelato é liquido, ci sono troppi zuccheri – riduci lo zucchero
  • Se il gelato é troppo ghiacciato non ci sono abbastanza zuccheri – aggiungi lo zucchero
  • Se rimane una patina sulla lingua il gelato ha troppi grassi – riduci la panna
  • Se il gelato é sabbioso, ci sono troppi latticini

Buona degustazione!!

FunTime!, Kids, Mom's Life, Survival Tips

Nonna per le vacanze scolastiche

Vacanze scolastiche. AIUTO!
Questa settimana l’asilo é chiuso per vacanze. E noi – che invece le vacanze le facciamo tra un mese -abbiamo bisogno di aiuto. Quindi, mia madre é venuta in soccorso per occuparsi della patatina, ma… per quanto io le sia grata… la sua permanenza qui mi ha provocato delle serie questioni esistenziali. Tra le quali: ma come si puó regredire tanto durante la trasformazione da genitori a nonni? Ora, va bene che i nonni non sono responsabili dell’educazione dei nipoti – i genitori lo sono – peró non bisogna esagerare.

Dopo una sola settimana con la nonna – la mia patatina ha imparato a dire tante nuove paroline in italiano, tra le quali: Piscia. Piscia. Ha fatto la piscia. Piscia? Ma é una parola?

Ora… io ricordo esattamente – come se fosse ieri – il dolore degli anelli di mia madre sulla mia guancia sinistra quando un giorno – senza conoscere veramente le nuances delle parole – ho detto “mamma vado a pisciare”. SLAP! Una sberla che mi ha ribaltato, lasciato il segno per qualche minuto. Seguito da una frase “fare la pipí, non si dice pisciare”. E ora… lei cosa fa? Insegna alla mia patatina – che diceva tanto bene PIPÍ a dire piscia?

Al che, io metto tanta pazienza da parte e le dico “mamma, piscia é un termine volgare, per favore usa pipí” e lei “o come ti scandalizzi”. No mamma, non é che mi scandalizzo, ma é brutto sentire un bimbo dire piscia, e stocazzo non ce lo mettiamo?

Insomma.

Una settimana é passata. Ora lei ritorna a casa, la mia patatina ha adorato questa settimana con la nonna. E per quanto riguarda me… KEEP CALM and KEEP CALM.

keep calm school is closed

Pregnancy, Survival Tips

Sono pronta per essere mamma! Ma lui é pronto per fare il papá?

dad feeding baby playing videogames

Ieri parlavo con un’amica, e REVELATION! Mi ha detto di sentirsi pronta per avere un bambino!

La conversazione é andata piú o meno cosi. ricevo un messaggio con un vestitino per bambini e chiedo:

“hai qualcosa da dirmi di importante”
“ultimamente il desiderio é tanto”
“e lui che ne pensa?”
“dice di essere d’accordo ma secondo me non é pronto”

Non é pronto. Lui dice di esserlo, ma lei crede che lui non lo sia. Tipico, no? Questo mi ha fatto riflettere.

Ecco 5 cose importanti da sapere prima di diventare genitori:

  1. GENITORI SI DIVENTA. Non si é mai pronti per avere un bambino. Genitori si diventa, si impara, nessuno ce lo insegna, e non c’é una scuola. E… si faranno degli errori. Bisogna avere pazienza…
  2. DAGLI ERRORI SI IMPARA. Bisogna essere preparati a fare degli errori, Ad accettare che gli altri facciano degli errori.
  3. BISOGNA LAVORARE SULLA FIDUCIA. Fare un figlio é un atto di fede. Principalmente di fiducia estrema nel nostro partner. Bisogna aver fiducia che il nostro partner abbia tanto interesse quanto noi a fare la cosa giusta per il bambino. Non fará le cose come noi, magari sbaglierá… ma avrá sempre nel cuore il bambino. Ed é anche possibile che nel lungo termine, i suoi metodi si riveleranno appropriatissimi.
  4. SI IMPARA MOLTO DALLA DIVERSITÁ. I bambini hanno due genitori (o nella maggior parte dei casi é cosí) – ed é giusto che i due genitori abbiano punti di vista un po’ diversi, e che gli insegnino punti di vista diversi. Cresceranno piú ricchi, di opinioni, modi, scelte. Piú forti.
  5. L’EFFETTO INGRANDIMENTO. Se una coppia ha un problema da risolvere, l’arrivo di un bambino lo accentuerá. Se la coppia é sana, l’arrivo di un bambino la consoliderá. L’unica preparazione che si puó fare e quella di imparare a dirsi “scusa ho sbagliato” o “hai fatto un buon lavoro”. E non abbiamo l’abitudine di fare ne l’uno né l’altro.

Quindi? Una cosa da fare prima di diventare genitori:

  • Per LEI

La veritá é che non si é mai pronti ad esser genitori.
E che abbiamo paura di dover far tutto da sole.
La veritá é che dobbiamo imparare a lasciarli fare, perché non abbiamo sempre ragione, e il nostro modo di vedere le cose… é il nostro modo. Il loro, non é’cosí sbagliato come sembra ai nostri occhi.

Vi svelo un segreto: ci saranno tante situazioni che si rapportano a questa foto. E francamente … non mi senti di dire che sia sbagliato. Poi magari un’altra volta vi spiego meglio perché!

Quindi, cosa dobbiamo fare? Lasciarli fare. A modo loro. E respirare profondamente. 🙂

  • Per LUI

Effettivamente, fare un bambino é una cosa che fa un po’ paura. L’idea di dover fare tutto da sole ci spaventa a morte. Allora sentiamo il bisogno di misurare di persona quanto siete pronti.

1. A parole. Ve lo chiediamo. Se é no é chiaro. Quando é’si… si complica. Perché un si… implica che ora si fa… e li… cerchiamo ancora piú prove della vostra prontezza.

2. Con i fatti. Vi mettiamo alla prova. Vi chiediamo “butti la spazzatura?” e se il giorno dopo si trova ancora li… tiriamo la seguente conclusione “non sa prendere la responsabilitá di buttare la spazzatura, figurati crescere un bambino”…

Quindi cosa dovete fare? Una cosa sola: prendere l’iniziativa. Non lasciar fare tutto a lei. Anche solo una: come comprare il test di gravidanza, un paio di calzini minuscoli, o una barchetta di fragole, tornando a casa dal lavoro e dicendo “ora sono pronto!”. Un’azione cosí – non richiesta- le daranno una certezza in piú ! Poi oh, ci sono i casi estremi… per quelli… meglio continuare a esitare 😊