Mom's Life, Pregnancy

I had a miscarriage.

I was ready this time around.
I knew when the right time to take pregnancy test was, I knew when to call the doctor for the first appointment. I knew what vitamins and supplements to take in the first weeks. I knew how to adapt my dietary habits. I knew, and I knew that 9 months would fly! And that this, this one would be the last time I would be pregnant. And somehow – I was already sad about it.

I learnt about the pregnancy really early on. I knew what signs to look for that I did not even need to take a pregnancy test to know! But I took the clear blue test anyway, and got all excited when I read “1-2 weeks pregnant”! So I called the doctor to book the first check up. Then I sent an invite to my husband saying “first lunch date …”. He thought it was going to be a lunch date between us – he did not pay attention to “first”. So the day we went for lunch and I brought him to the hospital… he started to cry of happiness. It was an amazing moment. This was our first date with the fruit of our love.

Only few days passed, and we had already imagined how to announce the pregnancy to the whole family. This time no big announcement to everyone like the first time, but small groups to share the news. Maybe something funny through our son… capturing the cute moment for the family memory book.
We had already thought on whether we wanted to know the gender or not, and whether to disclose it. We were already brainstorming on the possible name! We were 2 months in the journey!

The the second check up arrived… and here I knew we would hear the heart beat – this is a moment you will never forget. That is the moment when pregnancy gets real. There is life inside you and you hear proofs!
So we went on a second date … but there was no heart beat.
I had a spontaneous abortion.

I did not say a word. I asked very factual questions, and try tol hold my feelings for the rest of the check up. I asked all i needed to know on how to handle the removal, and wrote down all the instructions on what to do. I have been told the percentage of miscarriages: 1 out of 4. Very high, I was simply part of the norm.

After lunch i had to go back to the office. On the surface, i was trying to hold it all together, trying to do like nothing happened… but something was dead inside me. Not only the life i was looking forward to meet, but the desire, the hope. I went through my darkest moment. Nothing I could hear would make sense any more. I did know it was part of life. I did know. But… I wanted that life.

What to do now? Life continues, you still need to go to work, you still need to take care of your family, but you also need the time to mourn the life that died inside you. And… that you can do only after 9pm, when you hade dealt with all the rest. That is hard to put a time to deal with sufferance.

Only my husband and parents knew about the pregnancy, and they tried to comfort me with all the possible logical arguments and action oriented comments like “you will try again”… yes, we would try again, yes it happened only once and there are people who are sterile, yes we had an amazing kid already… i knew all that. I did realize the luck we had the first time around. But I felt alone. Alone with my pain, because that life was inside me, and maybe I did not take good care of it. Maybe it was my fault. I felt guilty for all I have done or not done. I felt guilty for everything: for doing sports, for drinking that glass of wine (i did not know i was pregnant yet), for traveling to the other side of the world for work, for sharing the news with my parents too early, for not sharing it with the people who I needed the most who could now just hug me instead of thinking “what the fuck is wrong with her ”, for skipping one day of folic acid… anything.
I felt guilty, like if it was all my fault and I could prevent it. Which I knew was illogical, but that is how I felt. And I felt lonely.

Miscarriage is hard, more psychologically then physically. But also practically: how do you explain at work you will be absent for a while? How do you explain your head will be partially busy for a while? How do you excuse yourself for snapping at everything for a while? Well you don’t … and you keep everything for yourself. Maybe you isolate yourself, and you fake it. And again, wait for 9pm to let all your tears flow away… And that… is hard.est.

I can say now I believe I managed pretty well.
I called my manager, I told him I lost a baby, very factually, I tried not to cry, but I did not manage. And I explained how I wanted to be handled “no reconforting words, no questions, no personal talks for a while, just mere back up on my tasks and understanding for my uncommon behavior”. Initially I hesitated in sharing it. But I am proud of doing it that way because it clarified expectations. And i got more understanding than i had expected.
I called my parents and told them they needed to stick with one grand son for a while. That I was fine, and I needed no help. I consciously lied, but I realized they needed to be handled more than me. Of course they did not buy it, but they got I did not want any comforting words. I wanted my time alone.
Then I messaged my best friend telling her I needed to talk to her. She surprised me asking me if I was expecting… and I had to give her the sad news that I indeed was expecting but not anymore. And she knew exactly what to say and when to say it. Because she had a miscarriage too. She was the only one that knew how to behave around me, and there i understood: you can understand only if you go through it. In that exact moment I understood what she went through too, for real.

I learnt 3 things through my miscarriage:

1. I will not wait 3 month to announce my future pregnancy to the ones I love. Because if anything goes wrong again, I will need their support.
2. I will share my experience, I will not keep it secret. I want my friends to know, because I want them to know I am there to listen if ever they go through something similar.
3. Sometimes it is better to share a bit more than needed – with work colleagues for example – to avoid misunderstanding afterwards. People can be surprise you. Positively.
4. I have been lucky my first pregnancy – because everything went well the first time. But that is not the norm. I will be more understanding of people who are trying to have their first baby but nature challenges them. For them, it must be a nightmare.
5. I will never – never – never say to anyone: “you will try again”.

Today she was supposed to arrive. Today I was supposed to become a mum for the second time. Today is probably the time I am ready to look for a new life.

Pregnancy, Survival Tips

Sono pronta per essere mamma! Ma lui é pronto per fare il papá?

dad feeding baby playing videogames

Ieri parlavo con un’amica, e REVELATION! Mi ha detto di sentirsi pronta per avere un bambino!

La conversazione é andata piú o meno cosi. ricevo un messaggio con un vestitino per bambini e chiedo:

“hai qualcosa da dirmi di importante”
“ultimamente il desiderio é tanto”
“e lui che ne pensa?”
“dice di essere d’accordo ma secondo me non é pronto”

Non é pronto. Lui dice di esserlo, ma lei crede che lui non lo sia. Tipico, no? Questo mi ha fatto riflettere.

Ecco 5 cose importanti da sapere prima di diventare genitori:

  1. GENITORI SI DIVENTA. Non si é mai pronti per avere un bambino. Genitori si diventa, si impara, nessuno ce lo insegna, e non c’é una scuola. E… si faranno degli errori. Bisogna avere pazienza…
  2. DAGLI ERRORI SI IMPARA. Bisogna essere preparati a fare degli errori, Ad accettare che gli altri facciano degli errori.
  3. BISOGNA LAVORARE SULLA FIDUCIA. Fare un figlio é un atto di fede. Principalmente di fiducia estrema nel nostro partner. Bisogna aver fiducia che il nostro partner abbia tanto interesse quanto noi a fare la cosa giusta per il bambino. Non fará le cose come noi, magari sbaglierá… ma avrá sempre nel cuore il bambino. Ed é anche possibile che nel lungo termine, i suoi metodi si riveleranno appropriatissimi.
  4. SI IMPARA MOLTO DALLA DIVERSITÁ. I bambini hanno due genitori (o nella maggior parte dei casi é cosí) – ed é giusto che i due genitori abbiano punti di vista un po’ diversi, e che gli insegnino punti di vista diversi. Cresceranno piú ricchi, di opinioni, modi, scelte. Piú forti.
  5. L’EFFETTO INGRANDIMENTO. Se una coppia ha un problema da risolvere, l’arrivo di un bambino lo accentuerá. Se la coppia é sana, l’arrivo di un bambino la consoliderá. L’unica preparazione che si puó fare e quella di imparare a dirsi “scusa ho sbagliato” o “hai fatto un buon lavoro”. E non abbiamo l’abitudine di fare ne l’uno né l’altro.

Quindi? Una cosa da fare prima di diventare genitori:

  • Per LEI

La veritá é che non si é mai pronti ad esser genitori.
E che abbiamo paura di dover far tutto da sole.
La veritá é che dobbiamo imparare a lasciarli fare, perché non abbiamo sempre ragione, e il nostro modo di vedere le cose… é il nostro modo. Il loro, non é’cosí sbagliato come sembra ai nostri occhi.

Vi svelo un segreto: ci saranno tante situazioni che si rapportano a questa foto. E francamente … non mi senti di dire che sia sbagliato. Poi magari un’altra volta vi spiego meglio perché!

Quindi, cosa dobbiamo fare? Lasciarli fare. A modo loro. E respirare profondamente. 🙂

  • Per LUI

Effettivamente, fare un bambino é una cosa che fa un po’ paura. L’idea di dover fare tutto da sole ci spaventa a morte. Allora sentiamo il bisogno di misurare di persona quanto siete pronti.

1. A parole. Ve lo chiediamo. Se é no é chiaro. Quando é’si… si complica. Perché un si… implica che ora si fa… e li… cerchiamo ancora piú prove della vostra prontezza.

2. Con i fatti. Vi mettiamo alla prova. Vi chiediamo “butti la spazzatura?” e se il giorno dopo si trova ancora li… tiriamo la seguente conclusione “non sa prendere la responsabilitá di buttare la spazzatura, figurati crescere un bambino”…

Quindi cosa dovete fare? Una cosa sola: prendere l’iniziativa. Non lasciar fare tutto a lei. Anche solo una: come comprare il test di gravidanza, un paio di calzini minuscoli, o una barchetta di fragole, tornando a casa dal lavoro e dicendo “ora sono pronto!”. Un’azione cosí – non richiesta- le daranno una certezza in piú ! Poi oh, ci sono i casi estremi… per quelli… meglio continuare a esitare 😊

corredino-neonato-comprare
Pregnancy

IL CORREDINO DEL NEONATO: COSA COMPRARE?

Sei incinta, e hai tante domande. Cosa serve davvero per il corredino del neonato? Quali accessori sono davvero necessari e quali no? Qual’é il periodo giusto per fare acquisti? In questo articolo rispondo ad alcune delle domande che ti stai facendo e che mi sono fatta anche io durante la mia prima gravidanza.
Lasciami un commento per dirmi se ti ho aiutato o se hai ancora domande!

Il momento in cui inizia lo shopping per il neonato é in gravidanza

Ricordo il giorno in cui ho fatto il test di gravidanza, indicava “incinta 2-3 settimane”.
Ero un po’ incredula, spaventata e felice. Ma non ho davvero realizzato fino al giorno in cui ho fatto l’ecografia ed ho sentito il battito del suo cuore. Precisamente in quel momento mi sono sentita mamma per la prima volta. Una mamma incapace ed inadeguata, ma iniziavo a sentirmi una mamma!

Ho iniziato a cercare online informazioni per prepararmi alla nuova vita, e in mancanza di una guida Mamme for dummies, ho letto tutto il leggibile su internet e in biblioteca (ovvio che esagero).

Nei primi mesi – avevo mille domande per preparare l’arrivo di nostro figlio. Trio o non trio? Letto o culla? Ma quanti body servono? E di che taglia? Etc etc.

Ricordo che ero al quarto mese, quando andando al centro commerciale, sono entrata da H&M e invece di guardare delle cose carine per me, sono andata diretta al reparto bambini… e ho toccato il primo body per neonati. Era bianco a righine verdi. Me ne sono innamorata, era cosí morbido!

Non l’ho comprato subito – un po’per scaramanzia, un po’ per non esagerare con gli acquisti. Allora sono tornata a casa, e ho passato una intera serata online a cercare body per neonato pensando “é troppo presto per comprarli, se inizio ora avrá piú vestiti di me prima ancora di nascere“.

Preparare il corredino é un primo passo verso la comprensione delle necessitá di un bambino.

Ma cosa serve davvero per un neonato? Cosa comprare e quando iniziare?

Quando iniziare?

Lo so, il giorno in cui scoprite di essere incinte, farete come me. Appena vi capiterá un negozio per bambini, andrete subito a guardare i pigiamini e vi innamorerete dei tessuti morbidi e dei colori felici.
Ma aspettate un po’, almeno per scaramanzia fino al 4 mese. Poi potete iniziare a comprare le cose indispensabili per i primi mesi!

Lista delle cose da comprare prima del parto.

  • Corredino: body, pigiamino, pannolini, mouche bebe, golfini, giacche, cappellino, copertina, sacco nanna, fascia portabebe asciugamano.
  • Passeggino. Trio ? non trio? noi alla fine abbiamo deciso di non prendere il trio. E dopo 2 anni ne sono contenta. Sarebbe stato un acquisto inutile. Se vuoi sapere perché leggi questo post.
  • Ovetto per l’auto. Dovrai tornare a casa dall’ospedale, e probabilmente in auto. Le culle non sono omologate, quindi ti servirá un ovetto.
  • Un biberon. Anche se decidi di allattare, un biberon puó essere utile.
  • Set per l’igiene. Pannolini, cotone, salviette, sapone (noi abbiamo usato i sacchettini di crusca, e niente sapone).
  • un Ciuccio – ma non usatelo subito se volete allattare! Prendine due o tre di diversi modelli e materiali: io ne avevo uno di silicone, uno di caucciú e uno piccolo. I primi mesi accettava solo quello di caucciú, ma poi ha scelto il suo, ed é rimasto con quello!

Lista delle cose da comprare dopo la nascita.

  • Cuscino per l’allattamento: non lo comprare prima – primo perché potresti non allattare per qualche ragione, secondo perché é utile provarne qualcuno. A me avevano prestato due cuscini, che io raccomando di NON comprare. Erano davvero scomodi…
  • Tiralatte. Ancora una volta, se l’allattamento funziona per te, vale la pena avere un tiralatte a disposizione (per poter ritagliare un po’ di tempo per te… anche solo per dormire qualche ora in piú). Magari chiedi alle tue amiche se hanno ancora un tiralatte da prestarti – potrebbe essere un investimento costoso. A me l’aveva prestato un’amica, e la mia ostetrica l’aveva definito la rolls royce dei tiralatte (freestyle di Medela).
  • Fascia portabebe. Al corso preparto mi hanno spaventata con il babybjorn, a quando pare non va per nulla bene per i neonati. Allora ho deciso di aspettare la nascita per provarne di diversi tipi prima di scegliere. É per me questo era il migliore! L’ho usato per un anno.
  • Doudou. Il doudou (o pupazzetto) che lo accompagnerá per tutta l’infanzia lo sceglierá lui, o lei. E riceverá tanti regali. Se proprio non arriva allora scegline uno tu!

Spero che la mia esperienza possa esserti di aiuto! E se hai domande, non esitare a lasciare un commento qui sotto!

Mom's Life, Pregnancy, Survival Tips

When I became a mom, the fact of being the second wife bothered me even more.

When I met my husband, he was married with one child – seemingly happy. And I was in a long term relationship.
I met him at work and we were simple colleagues.
On top of being in love already (and I believe you can only love one person at a time), I had a mind conditioning rule – very powerful for me – that is: men who are already in a relationship are asexual. This rule prevented me from having feelings for them.
And same for who is now my husband. To me he was an asexual man when I met him! Funny one to be around. And he was a very thrustworthy man. But I did not even consider him an option for a relationship.

A series of events happened since that moment. Long story short: his wife left him, my long term relationship ended… and we got closer. We had developed a friendly relationship where we could talk about our feelings and how to cope with them, but we were just friends. My rule was very powerful!
To be fair, in that period I thought about the possibility of us being a couple, but: come on! He was married, and has a child! I wanted a husband of my own, not a second hand one. And a child? No no no. Forget it. This kept me going for a while.

Until the day… I could not push back this idea anymore. I was really happy around him, I trusted him fully, and he was exactly the man I would have like to marry. But I was scared of being with him for 2 main reasons: he became my best friend, in a city where I knew not so many people, and I did not want to ruin this. He was the only best friend I had in this new place. Second: come on, I get out of a difficult relationship, and I get into one which is more complicated – with a kid and so on?? No way.

But eventually I did. And eventually we got married. And had a child. And that is where it hit me hard. It hit me for the wedding, as I knew he walked down the aile once already, but… having a kid. He had done it already, and that feeling of going through motherhood for the first time while he had done it already, with someone else, hurted me badly.

I was the second wife, the second choice wife, the second mother of his kid. I felt there was nothing special in it as he had done it already, and the minimum I can say is that it made me feel insecure. And I can add inadequate, wrong, and I questioned my choices, and for a period all his acts. I needed reassurance in all he did, without knowing how to explain why. Until I realised I was in a competition with the past, a competition that did not exist but that I had created myself. And this was always in my mind.

I thought he could not be as excited as I was, as he had done it already. I thought he knew everything already, while I was learning all the things a new mom learns in the first months – or year – of her journey. I spent hours reading about the right pushchair, the right bed… he – I assumed – had done that already. I gave birth and had to learn how to feed my son, hold my son, help him sleep. He knew that right?

And I remember clearly that moment, when the baby cryed for the first time, those tears in his eyes. I will always thank him for those tears. It was so reassuring to see that emotion running on his cheeks while he holded my hand.

But as the days went by, it was hard not to think that I was missing out on something, that I was the only inadequate parent, and alone as he had done it already. But then I realised he also did not know how to feed him, how to interpret his noises, how to dress him, how to hold him… he probably forgot, but there we started to learn together how to be parents to the fruit of our love.

I learnt that it is hard to be in a blended family. And it gets harder when the situation is not balanced (one was married with kids and the other one did not). But that it is important to be responsible of your own feelings, and take the time to understand what would be help and work it out together. And communicate.

Sometimes I am still hunted by those thoughts, they will probably will never go away. But in the end what counts is that we are happy, and that we keep doing what is needed to love each other!

FunTime!, Mom's Life, Pregnancy, Survival Tips

Ma come occupi le tue giornate?

Mi porto dietro un pancione da svariati mesi ormai, e oltre al pancione mi trascino anche una quindicina di chili in più. Il bimbo cresce bene, ma pare sia enorme dentro quella sacca! E per qualche ragione sconosciuta inizio ad essere un po’ stanca. Senza contare che ci sono ancora mille cose da fare per preparare il suo arrivo!

Quindi la dottoressa mi consiglia vivamente di smettere di lavorare visto che bébé potrebbe decidere di uscire da un momento all’altro, e di conseguenza da dieci giorni sono a casa dal lavoro.

E per la decima volta, mio marito torna a casa dal lavoro, e mi chiede “cos’hai fatto oggi?”.
Al mio sguardo storto, decide che vuole essere più chiaro, quindi incalza “cioé, ma cosa fai tutto il giorno?”.
Il mio sguardo si fa sempre più storto.

Dedichiamo per favore un minuto di silenzio per la pace nel mondo, e soprattutto per la pace nelle case dei quasi neo genitori.

Grazie.

Decido che merita una risposta questa volta, e rispondo:

“mah, cosa ho fatto…  un po’ di cose di casa…”
“ma cosa fai? non ti annoi?”
non ti annoi!? ANNOIARE?
“ogni tanto si, quando ho un po’ di mal di schiena e sono costretta a sdraiarmi mentre invece vorrei fare mille cose…. mi capita per una frazione di secondo di pensare qualcosa di simile alla noia…. ”
“ah si?”
“si un po’ come quando sei al lavoro, e sei costretto a partecipare ad una riunione particolarmente boriosa, ma ci devi restare, e aspetti che finisca per continuare a lavorare…”
“ah, ma cos’é che non hai il tempo di fare? sei a casa tutto il giorno! ad esempio: oggi cos’hai fatto?”
“mah, mi sono alzata per le 8.30, ho fatto colazione, ho rassettato la cucina, riempito la lavastoviglie, avviato una lavatrice, stirato, poi sono andata a fare la spesa, sono tornata, ho fatto da mangiare, ho chiamato l’assicurazione per le spese mediche, ho riportato un pacco in posta, sono tornata e ho fatto degli esercizi in piscina, poi ho letto un po’, poi mi sono sdraiata che avevo un po’ di mal di schiena, e poi ho iniziato a pensare alla cena. Ho impastato il pane per gli hamburger, ho preparato il resto che ritrovi a tavola ed eccoci qui”

Se solo vedesse la todolist di cose che vorrei terminare prima del parto… ANNOIARMI! pffft!
I’m NESTING not RESTING!

In ogni caso, questa é da inserire nella lista-delle-domande-da-non-fare-ad-una-quasi-neo-mamma.

FunTime!, Pregnancy

La valigia sul letto é quella di un lungo viaggio…

E mi ritrovo in pigiama, nella stanza di Bébé, con un pancione immenso attaccato alla vita, a 36 settimane inoltrate, a finalmente preparare la valigia per la maternità. Cantando alla julio iglesias…

La valija sul letto
è quella di un lungo viajo
e tu senza dirmi niente hai trovato il corajo
con l’orgoglio ferito di chi poi si ribela
ma quando t’arrabbi sei ancora più bela

qualche pigiama per l’allattamento, una vestaglia, le calzine, abitini per bébé per il ritorno a casa, e i documenti necessari per la nascita.

Siamo pronti… siamo pronti…

Pregnancy

Preparare l’arrivo!!!

Siamo a meno di due mesi… ed e’ giunta l’ora di preparare l’arrivo di bébé‎. Dopo essere andata al supermercato ed aver passato 5 lunghi minuti a scegliere il detersivo adatto per i piccoli indumenti di bébé… sono tornata a casa e ho iniziato a tagliare tutte le etichette… dopo una ventina di minuti di decoupage, ho guardato a fianco a me: una pila di piccoli indumenti si e’ formata … questo bambino ha piu’ vestiti di me, e non e’ ancora nato!

Pregnancy

il test del glucosio

Ho atteso questo test con un po’ di ansia. Se avessi il diabete gestazionale, dovrei mettermi a dieta per i prossimi mesi. La paura di non poter piu’ toccare un quadratino di cioccolato mi mette angoscia. Certo, non sarebbe poi la fine del mondo… ma mi toglierebbe il mio piccolo piacere quotidiano…

Ore 8: sveglia. Digiuno stretto, neanche un bicchiere d’acqua mi e’ permesso. Mi vesto rapidamente ed esco.

Ore 8.55: primo esame del sangue.

Ore 9.00: prima bibita del giorno: 75ml di glucosio.
Per un’amante del dolce come me… sara’ una passeggiata – mi illudo.
…e invece no. E’ una roba orribile da bere. Ve li ricordate quei biberon coloratissimi pieni di luquido zuccherato che vendevano quando eravamo piccole? Ecco… peggio.
Dopo il beverozzo? Niente acqua. Non vogliamo mica alterare i risultati!
Ora si va in sala d’attesa per il prossimo prelievo tra un’ora esatta.

Ore 9.20: vorrei alzarmi, uscire a fare due passi, magari fare un po’ di esercizio fisico, due squat, una marcia veloce, una maratona, che ne so un ironman? Mi viene il dubbio che sia il picco di zuccheri a parlare.
Ma sto buona buona. E sfoglio tutte le riviste della sala d’attesa.

Ore 10.00: mi alzo di scatto allo scoccare dell’ora, e mi siedo porgendo l’altro avambraccio. Seconda fialetta ritirata.
Si riparte per un’altra ora di attesa. Accendo l’ipad. Non riesco a leggere. Voglio uscire. C’e’ un sole fantastico, ho lo zucchero in corpo che mi impedisce di stare buona su una sedia. Chiedo se posso uscire. Io e l’assistente del dottore negoziamo che non faro’ una maratona, ma al massimo scendo al parcheggio e mi stendo al sole… dopo 20 minuti torno a in sala d’attesa. Sfoglio ogni depliant, volantino, gioco con i giochi per bambini. Riordino la stanza, parlo con le pazienti. E poi mi viene un po’ di abbiocco. E la bocca si allappa. O sete.

Ore 11: ancora piu’ rapidamente mi alzo e accorro a porgere le braccia per farmi prelevare un altro po’ di sangue. E’ finita… ora posso uscire, tornare al lavoro e fare tutte le cose a cui ho pensato durante la mattinata.

Ore 11.30: Passo da casa a cambiarmi… mangio un frutto…e dopo aver fatto un bel giro sulle montagne russe fatte di zucchero… l’energia rallenta e mi sento completamente a terra. Stanca. Mi appoggio un attimo. Solo un attimo.

Ore 14: mi sveglio. Non sottovalutare gli effetti colalterali degli zuccheri. E… compra qualche salvaslip in piu’ per i giorni a seguire.

ILoveShopping, Pregnancy

Ma quale passeggino? e se prendessimo il trio?

Questo post non é sponsorizzato. Giurin giurella.

La gravidanza é un periodo di prova… meglio arrivare preparate! Eh si perché ci sono decisioni difficili da prendere, ad esempio quando condividere la notizia? che nome scegliere? Ma a volte le decisioni sono dei veri e propri atti di fede! Ad esempio: dove partorire? parto naturale o cesareo? epidurale oppure nulla? ma una bella anestesia totale no? ok ok sto scherzando. Ma in questo post vogliamo parlare del passeggino? eh si perché la sola scelta del passeggino puó prendere 3 mesi. Come per noi. E tu? che passeggino hai scelto?

Te l’ho detto, ci abbiamo messo 3 mesi per scegliere il passeggino, quindi qualcosa ho imparato in 3 mesi. Ho fatto un sacco di domande, preso bimbi in prestito (ma no dai sto ancora scherzando). Ma principalmente ho valutato tanti scenari. Ed ecco la mia lista delle

cose da considerare per l’acquisto del primo passeggino:

  • Innanzitutto, alla nascita e per i primi 3-4 mesi serve un supporto orizzontale, ad esempio una culla, perché i bimbi non possono sedersi.
  • Per trasportare bebé in auto serve l’ovetto, perché la culla non é sicura (né omologata).
  • Poi dal 3/4 mese in poi serve un passeggino. Probabilmente fino ai 3-4 anni.
  • Il passeggino é rivolto verso la mamma fino a circa i 6/7 mesi, e poi deve girarsi verso l’esterno… per iniziare il suo viaggio per l’indipendenza :).

Leggendo questi punti sembra semplice no? Serve il trio. Tante marche producono il trio e si possono trovare offerte strepitose per avere tutte queste opzioni in un acquisto, e economicamente sembra davvero l’opzione migliore.

Tra tutti, a noi piaceva molto il trio love della chicco. Mio marito ha valutato la migliore opzione sul mercato. Io mi sono innamorata del nome love e dei tessuti.

Ma poi ho parlato con un po’ di amiche, che il trio l’hanno avuto. E tutte, nessuna esclusa mi hanno detto che é pesante ed ingombrante. Molte mamme mi hanno confermato che é la scelta migliore per i primi mesi, molto economico rispetto ad acquistare tutti i pezzi separatamente. Ma la culla dopo i primi 3 mesi non serve piú, l’ovetto dopo 9 va cambiato, e il passeggino é talmente pesante e scomodo che dopo i primi 7-8 mesi… si deve acquistare un altro passeggino, piú “pratico“.

Ma cosa significa praticità? bisogna metterci le mani per capire.

Quindi oggi siamo andati a fare delle prove in negozio. Prove tecniche si puó dire.

Abbiamo messo due passeggini a confronto: bugaboo bee3 e il trio love della chicco.

Siamo arrivati e abbiamo subito identificato i due modelli a confronto. Il trio era davvero bello, con tutti i suoi accessori, con la sua culla… dai chi non si emoziona davanti ad una culla? ma poi il bugaboo ha fatto il suo ingresso con tutti i suoi colori, la sua leggerezza, la sua praticitá ed eleganza… ma sembra meno comodo del trio per il bimbo, o forse solo nei primi mesi… tante domande.

Il mio cuore aveva giá scelto il bugaboo con la cappottina gialla… mio marito invece ha iniziato a fare calcoli interessanti di spesa per i primi 4 anni di vita del fagiolino.

Conclusione – quale passeggino scegliere?

Preferisco un passeggino manovrabile, leggero, che mi seguirà col tempo, resistente. Questo è l’investimento più importante, perché il passeggino é quello che si usa più a lungo. E il bugaboo é sicuramente piú comodo anche per il bimbo quando sará piú grande.
Abbiamo deciso che non ci serirá la culla, che peraltro non é autorizzata in auto!Quindi la utilizzerei davvero poco.

Certamente dovremo comprare un ovetto, che si possa combinare con la base del bugaboo. Questa sembra un impresa facile.

Quindi, abbiamo deciso di acquistare la bugaboo bee3. E per i primi mesi abbiamo preso un portabebé che si inserisce direttamente sul passeggino – fatto apposta per i neonati. E compreremo un ovetto a parte.

Economicamente parlando, facendo il calcolo delle necessitá nei primi 4 anni – il costo é lo stesso! E sono davvero spesi bene a detta di alcune mamme che mi circondano e che si sono pentite di aver acquistato il trio.

Et voila.

Aggiornamento Luglio 2017: il nostro bimbo ha un anno. Non mi sono pentita della scelta che abbiamo fatto. La culla non ci é mai servita. L’ovetto é durato 15 mesi. Il passeggino é fantastico. Ah, e avendo fatto un cesareo… il passeggino l’ho trovato cosí leggero che potevo alzarlo anche nelle prime settimane.

Aggiornamento Luglio 2018: 2 anni. Il passeggino é ancora intatto, e ha resistito ad innumerevoli aeroporti… se vuoi leggere i nostri diari di viaggio clicca qui!

Pregnancy

Esercizio fisico e gravidanza… che tortura! ma come tenere la disciplina?

Oggi sono andata dalla ginecologa.
Per qualche ragione a me sconosciuta, ho preso troppi chili. Quindi ora ho una motivazione in più per mettermi a fare un po’ di esercizio fisico.

Dopo svariate ricerche ho concluso che fa bene alla mamma, al bambino, e anche al futuro marito perchè fare esercizio in gravidanza aiuta a rimettersi in forma dopo il parto, e questo giova alla coppia nel lungo termine :)!

Se volete informazioni piu’ dettagliate in merito ai benefici dell’attività fisica in questi 9 mesi, vi rimando ad un articolo interessante (QUI).

Ma che esercizi fare? e quanti? e quando? ma soprattutto… come tenere alta la motivazione?
Ecco le mie risposte:
1) Spesso. Meglio poco ma spesso. Porsi l’obiettivo di 4 volte a settimana. Il che vuol dire minimo una volta ogni 2 giorni.
2) 20 minuti per volta, non di piu’ per non affaticarsi troppo e non surriscaldare troppo il corpo.
3) instaurare una routine. Stessa ora, stesso posto.
4) farsi supportare da un’App che ci da indicazioni sugli esercizi piu’ appropriati.

Io ho deciso di fare esercizio tutti i giorni della settimana, 20 minuti, la mattina, in salotto. E dopo aver provato svariate App, mi sento di consigliarvi Prenatal Workout Free (QUI).

Prenatal Workout Free propone 3 routine, una per ogni trimestre di gravidanza. Nella versione a pagamento ci sono più routine a disposizione…  per ora apprezzo la bellezza di avere la stessa routine ogni giorno.
Ogni sessione di esercizi dura 20 minuti, e aiuta a sviluppare diverse parti del corpo. Per ogni esercizio ci sono circa 10 secondi di dimostrazione, e 30 secondi circa per ogni esercizio. Apprezzo che siano solo immagini, nessuna musica e solo un leggero tlin per avvisarti di passare all’attività successiva.

Ovviamente consultatevi con il vostro ginecologo per avere una conferma sull’attivita’ fisica adatta a voi…

 

Quanto a me, riusciro’ a tenere i miei propositi?